Le lingue mutole. Le patologie del linguaggio fra teoria e storia - Antonino Pennisi - Carocci - Libro Ancora Store
Vai al contenuto della pagina

Le lingue mutole. Le patologie del linguaggio fra teoria e storia

Può svilupparsi un pensiero linguistico indipendentemente dai correlati morfologici, sensoriali e neurali, che caratterizzano l'articolazione della parola parlata? Un dibattito ormai secolare, originatosi nei primi decenni del secolo XVII e ancora non concluso, vede coinvolti medici, pedagogisti, guaritori di sordomuti da un lato e clinici, neuropsicologi, linguisti, filosofi dell'afasia dall'altro. Ma, accanto ad essi, e forse più di essi, la risposta è lasciata agli stessi soggetti che hanno vissuto dall'interno una condizione patologica, consegnando preziose testimonianze: introspezioni, autobiografie, diari, lettere, veri e propri saggi. Dall'insieme di queste testimonianze emerge con chiarezza che i fondamenti biologici del linguaggio hanno un'importanza ineludibile e che lo schema motorio basato sul rapporto fra percezione uditiva e vocalità articolata ha natura fondante. Le frontiere della ricerca vanno, così, oltre i limiti più tradizionali, in un territorio quasi ignorato nel dibattito filosofico-linguistico: l'embriogenesi del linguaggio nel feto materno, tema sul quale, soprattutto a partire dagli anni Ottanta, si è accumulata una vasta bibliografia tecnica con contributi di anatomisti, audiologi, neonatologi, embriologi, neurofisiologi, neuropsichiatri infantili, psicoanalisti, psicolinguisti.
Scritto da
Argomento Libri Saggistica e Varia Psicologia
Collana Studi superiori, 213
Editore Carocci
Tipologia
Libro
Pagine 368
Pubblicazione 1994
ISBN 9788843002184
 

Condividi

Le lingue mutole. Le patologie del linguaggio fra teoria e storia
29,20
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Photo gallery principale